martedì 19 luglio 2011

Fracchia la belva umana

Visto che nel 2011 compie trent'anni e che ho un debole per Lino Banfi che in questo lungometraggio interpreta il commissario Auricchio, uno dei protagonisti della storia, nella nota sottostante voglio parlare di uno dei film comici più divertenti della storia del cinema italiano.


Locandina originale del film

Fracchia la belva umana, capolavoro della commedia all’italiana anni ‘80, è un film estremamente comico e divertente, uscito nelle sale cinematografiche italiane nel 1981, con delle trovate originali e un susseguirsi di situazioni comiche e in alcuni casi satiriche.
Diretto da Neri Parenti, il film presenta un cast che comprende i più famosi interpreti della commedia all’italiana in voga in quel periodo.
Troviamo infatti Paolo Villaggio nel ruolo di Fracchia e della Belva suo sosia, Anna Mazzamauro nel ruolo della signorina Corvino, Gianni Agus che interpreta il titolare dell’azienda in cui lavora Fracchia e Lino Banfi che fa la parte del commissario di polizia.
Nel cast ci sono anche Massimo Boldi e Francesco Salvi tutti e due giovanissimi e alle loro prime apparizioni che interpretano i componenti della banda della Belva e Gigi Reder, più noto per aver prestato il volto al Ragionier Filini, che in questo lungometraggio appare in piccole scene dove è la madre della Belva.
Tema centrale del film è lo scambio di persona, favorito dalla perfetta somiglianza, tra Fracchia, normale e pauroso impiegatuccio in una fabbrica dolciaria e uomo costantemente frustrato e umiliato nella vita e sul lavoro, e la belva umana, spaventoso pluriomicida ricercato da tutte le polizie del mondo per i suoi numerosi crimini.
Al povero Fracchia dopo numerosi arresti, fra cui quello passato alla storia del cinema che avviene nel corso di una cena con la signorina Corvino collega di lavoro di cui Fracchia è segretamente innamorato interpretata magistralmente da Anna Mazzamauro, viene infine concesso un lasciapassare che gli dovrebbe permettere di evitare lo scambio con la Belva.
Quest’ultimo, però, sfrutta a suo favore la situazione sottraendo con la forza il lasciapassare a Fracchia ed agendo così indisturbato.
Nella necessità, però, si fa sostituire da Fracchia.
Nascono, così, numerose situazioni comiche, come quelle tra la madre della Belva e Fracchia e la scena in cui quest’ultimo è costretto a fare una rapina al posto della Belva trovandosi però totalmente impreparato.
Il film si conclude con un tentativo della polizia di arrestare il criminale tramite un piano che prevede anche la collaborazione di Fracchia.
Lo scambio di persona, però, continua e, alla fine, vengono uccisi entrambi.
In paradiso però, Fracchia scoprirà che il prezioso lasciapassare è rimasto in possesso della Belva.
Così per il malvagio criminale c’è il paradiso mentre per l’eterna vittima Fracchia, scambiato per la Belva, c’è l’inferno.
Il punto di forza di questo film, la cui trama ruota intorno al protagonista in cui lo spettatore, per forza di cose, si riconosce, è l’autoironia, il prendere in giro l’uomo, le sue infelicità e i suoiproblemi.
Quella di Fracchia infatti è una vita sciatta: ha un lavoro che non lo appaga e una relazione con una donna brutta e che non dà frutti.
L’unica critica che possiamo fare sta nel finale, davvero banale, pesante e noioso, che rovina un film altrimenti eccellente.

Nessun commento:

Posta un commento